Lou marchà - Il mercato

Lou marchà  Il mercato

Lou marchà ‘d Peirouzo al ê famoû e bién antiqque: jo dâ XIII siècle Peirouzo l’èro ‘no crouziëro për lî coumèrsi ëntër l’aouto e la baso valaddo, ëntër la Val San Martin e la Val Clûzoun. Un saou quë la tèrso diamenjo d’stëmbre lh’èro uno fíëro dount lî bërgìe, ën calant dai paturâl d’ lâ mianda, vëndin lour toumma: la pi prësiouzo l’èro lou Plaisentif, fait oou lou lait ‘d la primmo èrbo.

Lou marchà, oucazioun d’afâ e ‘d barat, l’èro d’co un’oucazioun d’ëscambi lënguistiqque: toutta lâ parladda vënin a countatt, la gënt s’ëntëndìo e s’ërcounëisìo.
 

 

Il mercato

Il mercato di Perosa è famoso e molto antico; già nel XIII secolo Perosa era un crocevia per i commerci tra l’alta e bassa valle, tra la val Germanasca e la val Chisone. Si sa che la terza domenica di settembre si teneva una fiera in cui i pastori, scendendo dagli alpeggi, vendevano i loro formaggi; il più prezioso era il “Plaisentif” fatto con il latte dei primi pascoli.

Il mercato, occasione di affari e di baratti, era contemporaneamente sede di intensi scambi linguistici: tutte le parlate della zona venivano in contatto e la gente si capiva e si riconosceva.